Festival della Cultura Creativa 2018

 

Dal 17 al 21 aprile 2018 torna la manifestazione per ragazzi, organizzata nell’aerea etnea dal Credito Siciliano con il coordinamento nazionale dell’ABI, per stimolare la creatività dei più giovani. Oltre 65 eventi culturali in 45 città dal nord al sud d’Italia. Il Credito Siciliano ha aderito alla V edizione Festival della Cultura Creativa promosso dall’ABI, con il patrocinio dell’UNESCO, del MIBACT e la media partnership della RAI, manifestazione in cui le banche italiane sono invitate ad organizzare iniziative diverse come laboratori, mostre, teatro, musica, danza. Il titolo che ABI ha assegnato al Festival 2018 è “CHE CAPOLAVORO!”, e fa riferimento al patrimonio culturale europeo inteso come radice di memoria, identità, dialogo, coesione, creatività, futuro, risultando legato direttamente all’anno Europeo del Patrimonio Culturale (Decisione EU del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 maggio 2017). Il progetto didattico declinato dal Credito Siciliano, tramite la Fondazione Gruppo Credito Valtellinese, si articolerà all’interno dello spazio espositivo della Galleria Credito Siciliano e vede coinvolti gli istituti superiori: i Licei “Gulli e Pennisi” (indirizzo classico e scientifico) di Acireale, il Liceo “Archimede” di Acireale, l’I.I.S. “E. Fermi – G. Guttuso” di Giarre, l’IISS G. Ferraris di Acireale ed il Liceo “Regina Elena” di Acireale. Anche quest’anno coordinator partner sarà il Triennio ed il Biennio dell’Accademia di Belle Arti di Catania con il lavoro dei propri studenti. L’evento acese prende spunto dalla mostra dedicata al collezionista greco Iolas, recentemente conclusasi, e vedrà la realizzazione di attività, workshop e altri laboratori creativi che, come recita il titolo, IOLAS RECALL, reinterpreteranno la storia di Iolas e della sua leggendaria villa ad Agia Paraskevi in Grecia. Le scuole, i professori e gli studenti invitati a partecipare attraverso percorsi installativi che ricomporranno la visione idealizzata della mostra, con “intrecci” tra i re – made realizzati durante un Educational Project per la mostra Call for Iolas’ House e i contributi degli studenti creati ad hoc durante i workshop. I partecipanti ai laboratori diventeranno artigiani e artisti costruendo una grande installazione, creata con fili di spago di diverso colore, rosso e bianco. I fili tesi rappresenteranno il passato e il presente, per una ricostruzione ideale della vita di Iolas, lungo le sale della Galleria. I ragazzi appenderanno sull’installazione fotografie d’archivio, disegni, pensieri sull’asse dei ricordi e assecondando le proprie emozioni e suggestioni della mostra conclusasi il 4 marzo 2018. Le attività saranno divise per competenze: gli studenti del Triennio e del Biennio dell’Accademia di Belle Arti di Catania, lavoreranno alle immagini digitali e al coordinamento della costruzione dell’installazione; gli studenti delle scuole del circondario etneo saranno coinvolti nella creazione dell’installazione, dei disegni e pensieri da disseminare sulla ragnatela di fili. Sabato 21 aprile la Galleria sarà ancora aperta per consentire al pubblico, accompagnati da alcuni degli studenti che hanno partecipato all’iniziativa, la visione guidata delle installazioni realizzate dagli studenti.

Contatti societari

Filippo Licata, Gruppo Credito Valtellinese Media Relations Area Sicilia 095.600.280 / 3357433496 licata.filippo@creval.it