Groupware | Camilla Gurgone

a cura di Benedetta Monti e Niccolò Giacomazzi

fino 6 novembre 2023

Platea|Palazzo Galeano, Lodi


Platea | Palazzo Galeano presenta da venerdì 6 ottobre a lunedì 6 novembre 2023 “Groupware”, personale di Camilla Gurgone, a cura di Benedetta Monti e Niccolò Giacomazzi, quarto e ultimo episodio del palinsesto espositivo dedicato agli artisti emergenti under 35, quest’anno selezionati da Rä di Martino. Dopo “Play”, progetto personale di Rä di Martino, con cui ha preso il via la nuova stagione culturale promossa dall’associazione lodigiana, “Narciso” di Valerio D’Angelo (Roma, 1993), “Diorama” di Martina Cioffi (Como, 1991) e “Dream Factory” di Vittorio Zeppillo (San Severino nelle Marche, 1998), il format si conclude con la personale di Camilla Gurgone (Lucca, 1997).

“Groupware” è un progetto espositivo che si articola in una long-performance realizzata dall’artista stessa, che sarà visibile al pubblico presso la vetrina di Platea tutti i giorni, dalle 9:00 alle 12:30, dalle 14:30 alle 19:30 e – in maniera non sistematica – dalle 21:00 alle 23:00, e in un sito internet, https://groupware.cargo.site/, che documenta tutti gli interventi e i materiali utilizzati nella realizzazione e nel periodo di apertura della mostra. Il titolo scelto, “groupware”, indica quell’insieme di programmi e applicazioni per smart phone con cui si pianificano le mansioni lavorative di un team e che, soprattutto in epoca post-covid, si sono ormai imposti come sistemi estremamente diffusi per monitorare la produttività e il conseguimento degli obiettivi di ciascun dipendente.

L’opera ha infatti origine da una ricerca ossessiva sugli odierni sistemi di sfruttamento lavorativo e sulle modalità con cui arbitrariamente ci sottoponiamo a ritmi e dinamiche che nutrono questa tendenza. L’artista ha affrontato la letteratura on e offline legata a tematiche quali l’abuso lavorativo, il rifiuto del lavoro nella generazione Z, le tecniche di concentrazione e rilassamento attuate per combattere lo stress, quelle di evasione dalle responsabilità in reazione all’eccessiva pressione sociale, i nuovi disturbi causati stress e iperattività, il quiet quitting. Diversi spunti emersi da questa ricerca, che si concretizzano in libri, articoli o gesti creati saranno offerti al pubblico nella doppia modalità live e online lasciando libero spazio all’interpretazione, al fine di stimolare una riflessione spontanea. Allestita come la postazione di un ufficio contemporaneo in cui un’unica impiegata svolge le proprie attività, la vetrina si propone come lo schermo di un dispositivo in cui è possibile assistere a un lavorio senza fine, dove disponibilità e reperibilità non hanno limiti. Una visione apparentemente distopica del lavoro, ma allo stesso tempo molto familiare, perché legata alla quotidianità.

Il format ideato da Platea si basa su un principio di confronto dialogico: tra l’artista leader e i suoi “allievi” con cui lavora a stretto contatto nell’elaborazione e sviluppo dei loro progetti espositivi; tra gli artisti, i curatori e il board di Platea con cui viene condivisa e discussa ogni singola fase del progetto; tra gli artisti e i curatori che, a ogni esposizione, si concretizza in pubblicazioni dedicate nel formato poster disponibili gratuitamente per il pubblico. Con il proseguo di questa avventura, Platea | Palazzo Galeano si propone di dare impulso a un nuovo ecosistema relazionale in città, basato sulla condivisione di valori culturali ed estetici, invitando il pubblico e la cittadinanza alla partecipazione attraverso formule diverse di mecenatismo, al fine di rafforzare il senso di comunità e responsabilità civile.
 
Le mostre del palinsesto emergenti sono realizzate grazie al sostegno della Fondazione Comunitaria della Provincia di Lodi Onlus e grazie alla generosità dei donatori che ne hanno condiviso attività e obiettivi. Il progetto Platea | Palazzo Galeano è realizzato anche grazie al supporto dei main partner Ferrari Giovanni Industria Casearia Spa e Consorzio Tutela Grana Padano.

***

Camilla Gurgone (Lucca, 1997) vive e lavora tra Milano e Roma. Laureata in scultura alla Rufa-Rome University of Fine Arts (Roma), attualmente frequenta il Biennio Specialistico in Arti Visive e Studi Curatoriali alla NABA -Nuova Accademia Di Belle Arti (Milano). Dal 2022 è nel team per la gestione di spazioSERRA (Milano) e del collettivo/project space Omuamua (Milano). Indagando il rapporto diretto tra artista, opera e spettatore, si occupa principalmente di installazioni relazionali, site specific e delle nuove tecnologie per l’interazione artistica sui social media. Tra le mostre collettive e personali in Italia e all’ estero: Pavillon am Milchhof, Berlino (2023), Triennale di Milano (2023), Galleria Unosunove, Roma (2023); Palazzo Ducale, Genova (2023); Orto Botanico di Roma (2022); SpazioSERRA, Milano (2022); Kunstschau, Lecce (2022) Monitor Gallery, Roma (2021); Antiguo Matadero, Saragozza (2020); GAM Galleria d’arte moderna, Torino (2020); Spazio KHLAB, Roma (2020); Palazzo Ridola, Matera (2019); Castello di Rivara, Torino (2019); ZAWP, Blibao (2019).

 

Per info: 

www.platea.gallery

Contatti per la stampa

PCM Studio di Paola Manfredi

federica@paolamanfredi.com

Camilla Gurgone, “Groupware”, 2023, courtesy l’artista e Platea_Palazzo Galeano. Foto Alberto Messina.